Torino dichiara l’emergenza climatica e ambientale

🔖 Nella giornata di ieri il Consiglio del Comune di Torino ha dichiarato all’unanimità lo stato di emergenza climatica.

❕Riteniamo questa presa di posizione politicamente molto importante, sia in termini istituzionali, che di presa di coscienza unanime e collettiva sulla crisi ambientale che stiamo affrontando.

🌍 La lotta in difesa del pianeta non può però esaurirsi qui. Occorrono politiche coraggiose (a volte scomode) in grado di limitare l’impatto dell’uomo sull’ambiente e rendere sostenibile ogni aspetto della nostra vita: su tutti il nostro modello di sviluppo.

🚲 Uno degli aspetti più impattanti su cui il comune ha facoltà di intervento è certamente la mobilità. Vogliamo un sistema di mezzi pubblici che sia sempre più efficiente, a qualsiasi orario e gratuito. Vogliamo percorsi ciclabili sicuri e ben mantenuti, in centro e in periferia, anche a costo di perdere qualche parcheggio. Detto in altre parole vogliamo poterci vivere a pieno la città anche senza possedere una automobile: questo non può che essere il primo passo verso un mondo più sostenibile!

⛽️ Anche il Politecnico di Torino dovrebbe fare di più: dopo aver distribuito le borracce alle matricole e le fontanelle in buona parte dell’Ateneo, è giunto il momento di fermare la vendita di acqua in bottiglia, per essere veramente #plasticfree. A livello di ricerca, invece, occorre eliminare ogni ipocrisia: fermiamo gli investimenti (in termini economici, di spazi e personale) sul settore Oil&Gas. La transizione verso un nuovo modello energetico non può che partire dai luoghi del sapere come la nostra università!

✊ Ci teniamo a sottolineare l’importanza delle mobilitazioni collettive, trasversali e dal basso che negli ultimi mesi hanno permesso di rendere il tema ambientale una priorità assoluta!