Il diritto allo studio non si taglia!

📝 Ieri, nel tentativo di ottenere informazioni in merito al taglio delle borse di studio per le e gli studenti, abbiamo assistito alla seduta del Consiglio Regionale, durante la quale il presidente Cirio ha tentato di rassicurare gli animi, sostenendo che la delibera fosse un “tecnicismo” per riordinare l’avanzo di bilancio di EDISU, e che non c’è alcuna volontà di tagliare le borse di studio ( per sapere cosa prevede la delibera: http://alterpolis.it/2473/la-regione-taglia-il-diritto-allo-studio/)

🗯 Belle parole, ma niente di più: la delibera non è stata nè ritirata nè modificata, e la Giunta regionale, ignorando che l’avanzo di bilancio di EDISU, che tanto criticano, è in realtà fondamentale per sostenere tutti gli altri servizi legati al diritto allo studio, decide di rimanere sorda alle richieste dell’ente, che già da mesi fa presente come i fondi attuali non siano sufficienti a coprire tutte le borse di studio, che crescono di anno in anno. Anche il miglioramento dei servizi di residenzialità, mense e aule studio sono per noi fondamentali. Non accetteremo che si taglino soldi su nulla, l’accesso all’istruzione deve rimanere una priorità.

💸 Noi non ci stiamo, e non ci fermeremo finchè non avremo la garanzia che nemmeno un centesimo sarà tolto al diritto allo studio, e che tutti gli e le studenti che ne hanno diritto riceveranno la borsa di studio.

✊ Per questo invitiamo tutt* gli e le studenti martedì 5 novembre alle 8:00 davanti a Palazzo Lascaris per bloccare il consiglio regionale. Il diritto allo studio non si taglia: blocchiamo la regione!

🌐 https://www.facebook.com/events/2520817058197374/